www.paparella.it

Ci hanno provato con Pietro Petruzzelli, poi è stata la volta di Vito Leccese con le primarie ed infine si sono inventati una fantomatica terza via. Insomma, le hanno provate tutte pur di far fuori Michele Laforgia e, alla fine, ci sono riusciti. Complimenti!

Michele Laforgia, responsabilmente, rimette la sua candidatura a sindaco della città di Bari nelle stesse mani di coloro che lo hanno determinato (Movimento 5 stelle, Sinistra italiana, Italia Viva, Partito socialista italiano, +Europa e il variegato mondo dell’associazionismo), dopo un lungo percorso democratico di partecipazione popolare per la costruzione di una proposta politica “nuova” per la città di Bari.

Le ragioni che spiegano come e perchè si è arrivati a questo punto, talvolta taciute, talvolta dissimulate nelle varie declinazioni, per non farle apparire pretestuose, risiedono in quella presunta “supremazia” che il Partito Democratico sente di avere all’interno della coalizione di centrosinistra, volta a determinare o quantomeno condizionare pesantemente qualsiasi scelta, esercitando il suo peso elettorale.

E poi ci sono loro i dinosauri, o se vogliamo, i professionisti della politica.

In questa chiave di lettura si spiega la candidatura confezionata da Antonio Decaro, Michele Emiliano, e dai renziani (ex), di candidare Vito Leccese, che, da un lato mette un freno e contiene la candidatura di Laforgia, cioè lo neutralizza; dall’altro garantisce, o meglio, garantirebbe, una continuità di potere che viene esercitato ininterrottamente da un ventennio dal Partito Democratico.

Vito Leccese è infatti il candidato degli apparati in perfetta sintonia e continuità con l’establishment del Partito Democratico pugliese, al fine di garantire appunto, continuità nella gestione politica ed amministrativa della città di Bari.

Come dire, escono di casa senza traslocare.

error: Contenuto protetto!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi