EconomiaPoliticaSocietà

Modugno e gli assessori ai temporali!

struttura organizzativa

Ai candidati sindaci del comune di Modugno, ma anche all’aspirante assessore all’Innovazione Tecnologica dell’amministrazione che verrà.

Qualche anno fa ad un politico che ricopriva, una delle massime cariche nelle istituzioni del comune di Modugno proposi l’introduzione di tecnologie innovative in Cloud per realizzare un modello organizzativo dipartimentale, come quello rappresentato nell’infografica.

Ciò avrebbe integrato i lavori dell’attività politica ed istituzionale, la struttura organizzativa dell’Ente, e la comunità, in un approccio sistemico condiviso, sicuro, protetto e accessibile con policy profilate.

La cosa tra l’altro, rientrava appieno nel ruolo istituzionale apicale che ricopriva, e quindi, il “dovere” di occuparsene.

Si trattava, in buona sostanza, di investire una manciata di euro, che avrebbe elevato le professionalità dei dipendenti, la qualità del servizio erogato all’utenza, introdotto sistemi di Smart working, video Giunte comunali in “meet” e Commissioni consiliari, ma anche allargato gli spazi di democrazia e partecipazione, ridotti drasticamente i costi e messo sotto controllo la spesa pubblica, le emissioni di CO2 e quindi l’inquinamento, semplificato i processi, e ridotta la costosa infrastruttura tecnologica hardware dell’Ente.

La risposta, accompagnata da un atteggiamento di superiorità, dovuta probabilmente al ruolo che ricopriva, fu perentoria: “Non abbiamo soldi!”

“Mi scusi” – cercai di ribattere, garbatamente cercando di fare il mio mestiere – ma se non sa di cosa le voglio parlare come fa …….”.

Non mi lasciò finire. Si girò allontanandosi, sussurrando “Gliel’ho già detto, non abbiamo soldi”.

Devo riconoscere la sua coerenza nel non averlo fatto ne con me, né con nessun altro. Peccato!

E così sono passate le amministrazioni, i commissari e pure il tempo.

Il coronavirus, non ci dice nulla più di quanto già sappiamo, e cioè di avere una classe politica vetusta inadeguata ed impreparata, non consona ai tempi che viviamo!

Ecco perchè produciamo assessori ai temporali, non certo all’Innovazione Tecnologica!